Global Analysis from the European Perspective. Preparing for the world of tomorrow




Come Facebook sta agevolando l’esodo dall’Africa all’Europa

In Europa, le piattaforme di social media come Facebook e Twitter stanno da qualche tempo rimuovendo contenuti e bloccando autori che criticano l’immigrazione di massa dal terzo mondo in quanto ‘’linguaggio d’odio’’. Un atteggiamento ostile verso l’esodo di centinaia di migliaia di persone dalla Nigeria, dal Marocco o dal Ghana verso l’Italia, la Svezia o la Germania è considerato comportamento estremista. Allo stesso modo, Facebook e Twitter sono strumenti che agevolano questo esodo. Da molto tempo, i social media non si limitano più a comunicazioni personali o forme di marketing. Piattaforme come Facebook e Twitter contribuiscono alla creazione di movimenti politici, come dimostrato dalla Primavera Araba o dal movimento Euromaidan di Kiev. I social network sono anche diventati canali di comunicazione per organizzare il trasferimento di persone dall’Africa all’Europa.

Nel 2017, un quarto della popolazione mondiale aveva un profilo su Facebook, il 68% di questi al di sotto dei 35 anni.1)Distribution of Facebook users worldwide as of January 2017, by age and gender, Statista. Nei paesi del Nord Africa, questo portale è molto popolare in circa metà della popolazione, tutta al di sotto dei 35 anni.2)Share of Facebook user in North Africa in 2017, by age group, Statista. Un dato di fatto è che l’89% delle persone che raggiungono l’Europa dalla Libia è al di sotto dei 40 anni,3)Displacement Tracking Matrix (DTM) Libya’s Migrant Report, Round 12, July-August 2017. dato che trova una certa corrispondenza nell’utilizzo dei social media appena descritto.

Facebook è diventato un canale per i trafficanti per trovare persone interessate alla traversata dall’Africa all’Europa. Come avviene? In primo luogo, i trafficanti creano profili e pagine su Facebook dove pubblicizzano i propri servizi ed un numero di telefono, oltre a raccomandare di contattare tramite l’applicazione WhatsApp, che garantisce la crittografia dei messaggi. In secondo luogo, autenticano i propri messaggi, pubblicando foto che mostrano la preparazione per il viaggio. Infine, pubblicano foto e rapporti delle persone che sono arrivate in Europa, in modo da creare un senso di affidabilità per potenziali clienti. Nei commenti sotto i post sono spesso contenute importanti informazioni. Grazie a questi, si può trovare chi ha usufruito di questi servizi e grazie a questa rete di messaggi, la voce si diffonde.

Source: facebook.com

Source: facebook.com

I post su Facebook confermano il ruolo delle flotte europee in quello che è il più grande esodo nella storia dell’umanità.
La pubblicità dei trafficanti informa i potenziali clienti della presenza delle navi delle flotte europee e delle ONG in missioni di ‘’salvataggio’’. In molti post viene spiegato che tutto ciò che i trafficanti devono fare è raggiungere un luogo nel mare aperto dove poi le navi di ‘’salvataggio’’ appaiono nel giro di un paio d’ore. Questo tipo di messaggi lasciano molti dubbi riguardo il ruolo delle ONG e delle forze navali europee. Analisi precedenti del personale Gefira hanno rivelato un ruolo importante giocato dalle ONG nelle operazioni di trasferimento di migranti illegali.4)NGOs are smuggling immigrants into Europe on an industrial scale, Gefira 2017-12-04.


Operazioni di salvataggio di Medici Senza Frontiere 1.01.2015-17.10-2017, fonte MSF

Vi sono stati rapporti che rivelano un ruolo non sufficientemente trasparente da parte delle ONG.5)Charities ‘pay people traffickers’: Libyan coastguard’s astonishing claim… cash handed to criminal gangs so they ‘deliver’ refugees, Daiy Mail 2017-06-11. L’Agenzia Europea della guardia di frontiera e costiera (Frontex) ha lamentato una inefficiente cooperazione con tali organizzazioni.6)NGO rescues off Libya encourage traffickers, says EU borders chief, The Guardian 2017-02-27. La mappa sopra pubblicata mostra i punti in cui sono state effettuati i ‘’salvataggi’’ dall’organizzazione Medici Senza Frontiere, la maggior parte delle quali è avvenuta vicino alle acque territoriali libiche. Quasi tutte le persone raccolte sono state trasportate non verso la vicina costa africana, o a Malta, ma in Italia.7)Interactive Map, Medicines Sans Frontiers. Se una nave svedese facesse un salvataggio presso le coste tedesche, trasporterebbe i sopravvissuti in Germania o Svezia?

Vi sono dubbi anche sul ruolo di Frontex, in quanto anche le navi militari della guardia costiera europea contribuiscono al trasporto di persone prelevate presso la costa africana in Europa. Lo scopo della missione è quello di combattere il traffico e salvare migranti. Osservando i profili dei social network dei trafficanti si possono notare coincidenza tra i salvataggi e le operazioni pubblicizzate dai trafficanti.

Source: facebook.com

Source: facebook.com

Post riguardanti il prezzo del traffico dalla Tunisia e Libia all’Europa, fonte Facebook.

Secondo le informazioni postate dai trafficanti su Facebook, il costo per il viaggio verso l’Europa è di 400$ a persona se il viaggio parte dalla Tunisia, 1000$ dalla Libia (nel Marzo 2016). Le famiglie possono ricevere degli sconti. La dimensione del business è comprovata nei numeri . Nel Luglio 2017, 11 mila e cinquecento persone sono arrivate dalla Libia all’Italia (il doppio rispetto allo stesso mese nell’anno precedente).8)Number of migrants arriving in Italy from Libya falls by half in July, The Guardian 2017-08-11. Ad un prezzo medio di $1000 a testa, nel solo mese di Luglio i trafficanti potrebbero aver guadagnato 11.5$ milioni. Le dimensioni di queste operazioni fanno nascere dubbi sul coordinamento. È già stato dimostrato che in alcuni casi i ‘’rifugiati’’ avevano i numeri di telefono delle organizzazioni non-governative per annunciare il proprio arrivo.9)Schlauchboot-Migranten rufen NGOs wie “Taxis” an, Kronen Zeitung 2017-05-13.

All’inizio del mese scorso, il 2 Dicembre, un annuncio dei trafficanti su Facebook rivelava la pianificazione di un viaggio dalla Libia all’Italia per il 6 Dicembre. Il giorno dopo, il 7, un aggiornamento è apparso, mostrando le preparazioni per il viaggio. Questo aggiornamento è apparso nel pomeriggio, il che potrebbe indicare che le operazioni sono avvenute durante la notte tra il 6 ed il 7. L’8 Dicembre Frontex ha pubblicato sulla propria pagina Twitter che la propria nave, l’Olympic Commander, era impegnata in operazioni di salvataggio ed aveva soccorso 78 persone. Non abbiamo prova che queste ultime siano le stesse messe in mare dai trafficanti nei giorni precedenti, o che Frontex sapesse dei piani dei trafficanti. Tuttavia, i trafficanti avevano trasmesso un messaggio in anticipo, dicendo che stavano lasciando i porti libici per andare in contro alle navi europee e alle ONG. Sorge quindi il dubbio se l’operazione di salvataggio sia genuina o se vi sia un traffico illegale di persone in alto mare.

Source: facebook.com

Source: facebook.com

Post dei trafficanti e tweets di Frontex ad inizio Dicembre 2017, fonti Facebook e Twitter.

Le ONG ed i trafficanti utilizzano la ‘’Regola per i Radicali’’ numero quattro di Saul Alinski: ‘’Obbliga il nemico a giocare secondo le sue regole’’. La legge del mare dice che ‘’Ogni capitano è obbligato, finché può senza recar danno al proprio vascello, a prestare assistenza a tutti, anche un nemico, travato in mare ed in pericolo di affogare’’. I trafficanti, l’Unione Europea, le ONG e Frontex si stanno facendo beffe della legge del mare e le loro responsabilità dovrebbero essergli rinfacciate. L’enorme operazione che è risultata nel trasporto di più di 600 mila persone dal Nord Africa all’Italia dal 2013, promossa e coordinata da mezzi di comunicazione come Twitter e Facebook, può difficilmente essere vista come genuina operazione di soccorso.

 

Source: facebook.com

Source: facebook.com

Source: facebook.com

Source: facebook.com

Comunicazioni dei trafficanti su Facebook, fonte Facebook.

Lo scorso inverno abbiamo smascherato le attività delle organizzazioni non-governative nel traffico dei migranti . Attualmente, sui social media, non solo possiamo monitorare le attività delle ONG, ma anche quelle dei trafficanti e dei loro clienti. Il monitoraggio di tutte queste attività fa sorgere nuove domande a riguardo.

References   [ + ]

1. Distribution of Facebook users worldwide as of January 2017, by age and gender, Statista.
2. Share of Facebook user in North Africa in 2017, by age group, Statista.
3. Displacement Tracking Matrix (DTM) Libya’s Migrant Report, Round 12, July-August 2017.
4. NGOs are smuggling immigrants into Europe on an industrial scale, Gefira 2017-12-04.
5. Charities ‘pay people traffickers’: Libyan coastguard’s astonishing claim… cash handed to criminal gangs so they ‘deliver’ refugees, Daiy Mail 2017-06-11.
6. NGO rescues off Libya encourage traffickers, says EU borders chief, The Guardian 2017-02-27.
7. Interactive Map, Medicines Sans Frontiers.
8. Number of migrants arriving in Italy from Libya falls by half in July, The Guardian 2017-08-11.
9. Schlauchboot-Migranten rufen NGOs wie “Taxis” an, Kronen Zeitung 2017-05-13.

GEFIRA provides in-depth and comprehensive analysis of and valuable insight into current events that investors, financial planners and politicians need to know to anticipate the world of tomorrow; it is intended for professional and non-professional readers.

Yearly subscription: 10 issues for 225€
Renewal: 160€

The Gefira bulletin is available in ENGLISH, GERMAN and SPANISH.

 
Menu
More