Global Analysis from the European Perspective. Preparing for the world of tomorrow




La rete dell’immigrazione di George Soros in Italia

Il seguente article è basato sulla ricerca di Francesca Totolo pubblicata su lucadonadel.it.

Confini aperti e censura dei media.
Perché c’è una crisi migratoria nel Mediterraneo? Perché le ONG sono coinvolte? Perché c’è una estesa rete di attivisti ed organizzazioni dei ‘’confini aperti’’ dietro la faccenda; molti di loro sono finanziati o collaborano con la Open Society Foundation di George Soros. È illegale? No. L’attivismo politico è una parte essenziale delle democrazie. Tuttavia, in alcuni casi le cause promosse sono irrealistiche o insostenibili. La rete della lobby dell’immigrazione in Italia è composta da ONG internazionali finanziate da Open Society (in verde), ONG Italiane, sempre finanziate da Open Society, in blu e organizzazioni con progetti condivisi con OSF in viola.

Continue reading

Perché la politica dell’UE sul conflitto siriano è un disastro? Perché è irrealistica.

L’Unione Europea deve realizzare che l’idealismo sta aumentando semplicemente aumentando le sofferenze e mettendo a rischio la sicurezza di tutte le parti coinvolte. C’è l’alternativa realista, che si focalizza sul proprio interesse invece che sull’aspetto morale. Tuttavia questa politica estera ha un proposito altamente etico, per esempio pace e stabilità. I paesi europei hanno fatto molti errori durante il conflitto siriano, errori che hanno diminuito il loro prestigio, influenza e sicurezza. Attraverso la lente del realista è importante fare una seria analisi, decidere quale fazione del conflitto sostenere e ricordare che il più forte fa quello che può e il più debole soffre ciò che deve.

I realisti però non si astengono dal dare suggerimenti audaci sulla politica estera. Nel 2012 Kenneth Waltz ha detto che l’Iran dovrebbe avere accesso ad armi nucleari. Tre anni dopo Stephen Walt ha sottolineato che in caso di vittoria ISIS in Siria, la comunità internazionale avrebbe dovuto imparare a convivere col suo nuovo potenziale membro. Secondo alcuni realisti, i tentativi di rovesciare il governo di Assad sono stati un errore. Continue reading

Crisi delle banche: profitti privati, perdite socializzate, di nuovo: il capitolo Italiano.

Il sistema bancario occidentale è l’emblema della crisi di credibilità del liberalismo. Dal 2007 il mondo liberale sta salvando le banche con i soldi pubblici, lasciando i profitti agli azionisti privati. Adam Smith direbbe ‘’lascia che se ne occupi il mercato e che elimini le banche inefficienti’’. Il mondo liberale moderno dice: ‘’manteniamo le inefficienze, lasciamo che risucchino ricchezza dalla società come dei parassiti’’.

La cosa ancora più assurda è che i salvataggi sono spesso gestiti da governi di sinistra. Gli stessi che sulla carta dicono di voler ridistribuire ricchezza dai ricchi ai poveri fanno l’esatto opposto, ridistribuiscono dai poveri ai ricchi. La caduta dell’Unione Sovietica ha screditato le teorie economiche del controllo centralizzato, così i socialisti si sono ritrovati obbligati a cercare modelli economici alternativi: si sono spostati verso il centro, la cosiddetta ‘’terza via’’di Tony Blair e Bill Clinton. Niente più lotta di classe, globalizzazione e finanziarizzazione sono diventati il nuovo mantra. I salvataggi delle banche completano il tradimento verso la classe operaia. Ora che il sistema finanziario sta fallendo, si cerca in ogni modo di far continuare il casinò. L’ipocrisia non finisce qui: quando la classe operaia richiede l’intervento del governo contro la globalizzazione, la ‘’Sinistra Moderna’’ risponde con insulti e sfottò diretti all’ignorante uomo comune, ma quando è il mondo finanziario a chiamare, allora l’intervento del governo nel mercato è ‘’necessario’’. Continue reading

Perché lo Ius Soli puzza di attacco alla democrazia.

Infuocano le polemiche sul tentativo da parte del Partito Democratico di cambiare la legge sulla cittadinanza.

La proposta prevederebbe di concedere la cittadinanza a bambini stranieri di cui almeno uno dei genitori si trovi in Italia per almeno 5 anni. A questo si aggiungerebbe la possibilità di richiedere la cittadinanza per minori che abbiano frequentato scuole italiane per 5 anni ed abbiano superato un intero ciclo scolastico. Secondo i sostenitori della proposta, sarebbe ‘’una questione di civiltà’’ e favorirebbe l’integrazione. I critici a loro volta fanno notare come molti dei terroristi islamici degli ultimi anni hanno la cittadinanza di paesi europei ed hanno seguito interi cicli di studi negli stessi, nulla di tutto ciò ha fatto di loro persone leali alla comunità indicata sul pezzo di carta dei loro documenti ed ai suoi valori.

Abbiamo voluto innanzitutto verificare questa dichiarazione: dal Gennaio 2015 ad oggi ci sono stati 13 attacchi del terrorismo islamico in Europa, 30 colpevoli sono stati individuati, 20 di essi avevano cittadinanze europee, di cui 18 provenienti da paesi con forme di Ius Soli (Belgio, Francia, Gran Bretagna, Svezia) mentre solo due provengono da paesi senza tale forma di cittadinanza (Italia e Danimarca). Il 60% dei terroristi islamici in Europa proviene da paesi con lo Ius Soli. La correlazione è significativa, specialmente se confrontata a sistemi più restrittivi in termini di cittadinanza. La cittadinanza facile dunque, non favorisce l’integrazione. Paesi che secondo lo slogan sarebbero più civili rivelano enormi problemi di sicurezza e coesistenza tra diverse religioni. Continue reading

Il Portogallo abbandona l’austerity e ritorna alla crescita. Può durare?

Alla fine del 2015 il partito Socialista portoghese è riuscito a formare un governo di minoranza con la sinistra estrema, riducendo al ruolo di opposizione il centro-destra, pro austerity dei Social Democratici; un caso unico in Europa, dove i paesi con problemi di bilancio come la Grecia (prima dell’esperienza Syriza), l’Italia e la Spagna hanno invece optato per grandi coalizioni di centro (centro-destra e centro-sinistra uniti) per risolvere la crisi, con risultati tuttavia fallimentari.

La nuova coalizione di sinistra ha subito abbandonato i dogmi della Commissione Europea e del FMI, preferendo uno stimolo fiscale di vecchio stile Keynesiano, aumentando salari e pensioni; dopo un anno e mezzo, forse a sorpresa, il Portogallo sta andando bene. Continue reading

Risposta a Costanza Hermanin dell’Huffington Post e precedentemente Open Society.

L’Huffington Post ha di recente postato nella sua sezione blog un articolo, di Costanza Hermanin, professoressa a Science Po e al Collegio d’Europa ed in precedenza senior officer della Open Society Foundation del finanziere George Soros.

La Fondazione Gefira viene accusata nell’articolo di essere ‘’euroscettica’’ e ‘’filo-russa’’ e che le attività delle ONG nel Mediterraneo costituiscono una ‘’fake news’’.
Ci siamo presi il tempo di rispondere a queste accuse:

1) Euroscetticismo: se Costanza Hermanin, il cui curriculum vanta esperienza di ricerca raffinata, tra gli altri, alla Columbia University, a Berkeley, allo Schuman Centre for Advanced Studies e alla Commissione Europea, si fosse degnata di fare una ricerca onesta e di qualità, avrebbe scoperto che Gefira è stata creata da Franck Biancheri allo scopo di promuovere l’integrazione europea, Lo stesso Biancheri, ora deceduto, è stato campione dell’integrazione europea ed ha collaborato alla realizzazione del Progetto Erasmus. Continue reading

I cambiamenti demografici decideranno la storia del mondo.

La demografia deciderà la storia del mondo nei prossimi decenni. 2045 è l’anno in cui, secondo lo U.S. Census Bureau, i bianchi diventeranno una minoranza nel proprio paese.

Un simile trend è osservabile in Europa. Negli anni ottanta è iniziata la trasformazione da paesi relativamente monolitici in società multi-etniche e multi-linguistiche, risultanti nell’aumento del gruppo Latino negli USA e nell’influsso di immigrati dall’Africa e dall’Asia in Europa. Il mondo accademico e l’establishment liberale ritengono che i differenti gruppi etnici che arrivano in Europa e negli USA si integrino nelle comunità indigene entro una o due generazioni, adottando i valori Occidentali in quanto universali, almeno sulla carta.

La crescita della popolazione Europea raggiungerà presto il suo picco e poi la tendenza si invertirà, come già osservabile in Russia e Polonia. La popolazione dell’Olanda e della Germania cresce solo grazie al numero dei migranti extra-Europei. Presto la composizione etnica dell’Europa diventerà simile a quella del Brasile o dell’India.

Continue reading

George Soros si precipita in segreto in Italia per incontrare Gentiloni ora che le attività delle ONG nel Mediterraneo sono sotto scrutinio politico e giudiziario.

Nelle ultime settimane, il trasporto di migranti dalle coste Africane all’Italia è diventato un caso di portata nazionale, ed è ora sotto investigazione conoscitiva da parte del procuratore di Catania, che recentemente ha testimoniato di fronte alla Commissione Difesa del Senato, e verrà ascoltato dal Consiglio Superiore della Magistratura.

Dure critiche alle attività delle ONG sono piovute dai partiti di opposizione Forza Italia,, Lega Nord,, e anche dal Movimento 5 Stelle,, normalmente più neutrale sul tema immigrazione, mentre il Presidente del Consiglio Gentiloni aveva optato per lasciare il tempo alla giustizia di seguire il suo corso,.

Continue reading

gif loading

Gefira-Bulletin #15

Western establishments are opting for a full population replacement to keep the ball rolling.

€25.00

Add to cart

more

The Gefira team has taken a year to analyze the current state of affairs in the world. The promising role of the BRICS countries has disappeared whilst the US still has the characteristics of a waning power and the European Union failed to become the world’s leader. The global economy cannot operate without decisive intervention from central banks.

The Western powers did not succeed in bringing democracy to the Middle East and the conflicts with Islamists are intensifying. Nationalism in Europe is on the rise while the global elites keep on foisting a multicultural programme on their respective societies. The increasing uncertainty, the lack of convincing economic recovery and of global leadership is the result of the far-reaching changes in demographics with no comparable historical precedent. The Gefira team is one of the few research groups that understand that the dramatic changes in the world population will have a profound effect on financial markets, emerging countries, distribution of religions, migration and geopolitics. Since populations in Africa and South Asia are exploding whereas those of the developed world are shrinking, Western establishments are opting for a full population replacement in Europe and the USA; conversely, Japan and China will keep their borders shut, and we will see a 60% population decrease there. The reversal of a population decline can take 50 to 100 years. The Gefira will focus on the unprecedented demographic shifts we are experiencing right now; in this issue we take a look at the changes in China whose (especially working) population is about to shrink and whose urbanization will come to a halt within the coming 10 years; we also discuss the strategic role of the Russian and European space programmes.

Gefira-Bulletin #14

Gefira: Demographics and the consequence for economics and investments

€25.00

Add to cart

more

We are at the dawn of profound demographic changes that will affect every investment. The Japanese population will shrink an astonishing 60% this century.

Europeans are trying to escape the same fate by repopulating the continent. All government data shows that the West as we know it will slowly disappear and while Europe is in full retreat, the population in Asia and Africa is exploding. The staggering number of new births in Africa will spell a human disaster and the Europeans will not able to avert it. This process has already started and will change our world profoundly; investors and planners should take notice. This Gefira gives an outline of what is coming.

 
Menu
More