Global Analysis from the European Perspective. Preparing for the world of tomorrow




Il peggior nemico dell’integrazione europea? L’attuale leadership dell’UE.

Potremmo dirlo guardando alla sofferenze del Sud Europa, dove dopo anni di austerity imposta dall’Unione Europea, la fede nel progetto europeo sta crollando.
Questa volta però, guardiamo ad Est: il brutto e cattivo Visegrad. Il gruppo composto da Polonia, Repubblica Ceca, Ungheria e Slovacchia ha interessi condivisi ed individuali.
Tra quelli condivisi, c’è il rifiuto di prendere parte nel piano di ricollocazione rifugiati. Perché? Perché Angela Merkel li ha invitati senza prima consultare i partner europei .1)Poland’s Kaczynski blames Merkel for EU’s migration issues, Reuters 2017-05-20.
Tutto ciò è insopportabile per la leadership europea, che adora la diversità e la promuove, a meno che non si tratti di diversità d’opinione, un valore fondamentale della democrazia liberale che i leader europei pretendono di rappresentare. Il liberalismo che una volta significava ‘’disapprovo ciò che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo’’, una citazione forse erroneamente attribuita a Voltaire, ora è diventato ‘’disapprovo ciò che dici, quindi non dirlo’’.
Il problema è più profondo. Il gruppo Visegrad ha ottenuto l’indipendenza da un altro progetto internazionale di solidarietà forzata, l’Unione Sovietica, meno di tre decenni orsono. La recente esperienza li rende sospettosi di utopie centralizzate e antidemocratiche. E forse vi sono rimasti intrappolati di nuovo. Proprio quando pensavano di aver lasciato una distopia per unirsi al mondo libero, il mondo libero ne diventa una. La solidarietà non può essere imposta, è volontaria. L’approccio della Merkel è simile a quello dei leader sovietici, non del mondo libero.
Il secondo elemento di discordia è il multiculturalismo. Ancora una volta, i leader europei hanno deciso che è ‘’il futuro’’, 2)Timmermans: Central Europe has ‘no experience with diversity’, Politico 2015-9-24. piaccia o meno agli europei. Un tema chiave per chi ha votato Brexit era l’immigrazione, ma a Juncker, Timmermans e Verhofstadt non interessa: l’Europa Occidentale lo ingoierà fino ad accettarlo ed anche quella Orientale si dovrà arrendere. Il Presidente Ceco Vaclav Klaus,3)Václav Klaus: Nastal čas začít připravovat odchod naší země z EU, parlamentnilisty 2017-06-13. non è d’accordo, come del resto i polacchi,4)Polish minister blames multiculturalism for Nice attack, Financial Times 2016-07-15., gli ungheresi,5)Orbán : “Multiculturalism has failed in Europe”, Visegrad Post 2017-06-30., e gli slovacchi.6)Why Slovakia won’t embrace migration, Politico 2016-08-26.


Perché tutto ciò è importante? Perché i sondaggi mostrano che ai popoli del blocco Visegrad l’integrazione europea piace,7)Enthusiasm for EU in sharp decline throughout Europe, not just UK, Financial Times 2016-06-07. più che ad ogni altra area in Europa. Ciò che non gli piace è il multiculturalismo, la solidarietà forzata e le nuove mode dei leader occidentali (che a dir la verità non piacciono nemmeno agli occidentali stessi), come confermato dalla popolarità dei leader anti-multiculturalismo nei paesi del blocco Visegrad. Quindi bisogna chiedersi: il bullismo di Timmermans è giustificato o desiderabile? Sta di fatto alienando l’unica area europeista d’Europa.
Passiamo ora alle questioni individuali: all’Ungheria non piace George Soros e le sue cause ‘’umanitarie’’, lo considera una minaccia per la democrazia. Juncker, Timmermans e compagnia invece lo adorano e sostengono le sue iniziative.8)Soros gets warm Brussels reception amid spat with Hungary, Euractiv 2017-04-21.
Cosa si può dire di leader che preferiscono oligarchi ai propri cittadini? Si possono considerare democratici?
La Polonia invece non vuole che nella Corte Costituzionale vi siano giudici compromessi con i precedenti governi. La questione è delicata in quanto risale alla separazione dei poteri esecutivi e giudiziare, fondamento delle società democratiche. Nella maggior parte dei paesi comunque, i giudici della massima carica della magistratura sono scelti dai governi in linea con le proprie idee. Il problema? Il governo polacco è euroscettico e l’UE non vuole che riempia la Corte Costituzionale di giudici con tale linea. Quindi il solito Timmermans vuole rimuovere il diritto di voto alla Polonia, 9)Poland may be stripped of EU voting rights over judicial independence, The Guardian 2017-07-19. colpevole di fare ciò che ogni governo fa. È un male solo quando a Timmermans non piace.
Ci chiediamo, quanto tempo può passare prima che il gruppo Visegrad, l’unico attualmente entusiasta dell’integrazione europea, perda la pazienza? Sarà l’Italia a lasciare l’Euro prima che questo avvenga? Il gruppo Visegrad è davvero il problema, oppure si dovrebbe guardare alla intollerante leadership europea?

References   [ + ]

1. Poland’s Kaczynski blames Merkel for EU’s migration issues, Reuters 2017-05-20.
2. Timmermans: Central Europe has ‘no experience with diversity’, Politico 2015-9-24.
3. Václav Klaus: Nastal čas začít připravovat odchod naší země z EU, parlamentnilisty 2017-06-13.
4. Polish minister blames multiculturalism for Nice attack, Financial Times 2016-07-15.
5. Orbán : “Multiculturalism has failed in Europe”, Visegrad Post 2017-06-30.
6. Why Slovakia won’t embrace migration, Politico 2016-08-26.
7. Enthusiasm for EU in sharp decline throughout Europe, not just UK, Financial Times 2016-06-07.
8. Soros gets warm Brussels reception amid spat with Hungary, Euractiv 2017-04-21.
9. Poland may be stripped of EU voting rights over judicial independence, The Guardian 2017-07-19.

GEFIRA provides in-depth and comprehensive analysis of and valuable insight into current events that investors, financial planners and politicians need to know to anticipate the world of tomorrow; it is intended for professional and non-professional readers.

Yearly subscription: 10 issues for 225€
Renewal: 160€

The Gefira bulletin is available in ENGLISH, GERMAN and SPANISH.

 
Menu
More